Posizione sistematica
IT | EN

La Cicogna bianca (Ciconia ciconia) appartiene all’Ordine dei Ciconiformi e alla Famiglia dei Ciconidi.

Tale Famiglia comprende 19 specie di uccelli, fra le quali, oltre alle cicogne "vere e proprie" appartenenti al genere Ciconia, vi sono lo Jabiru (Jabiru mycteria), i marabù (Marabù minore asiatico, Marabù africano e Marabù maggiore asiatico), i becco a sella (Becco a sella asiatico e Becco a sella africano), i tantali (Tantalo americano, Tantalo cenerino, Tantalo africano e Tantalo indiano) e gli anastomi (Anastomo asiatico e Anastomo africano).

In Europa e in Italia la Famiglia dei Ciconidi è presente con due sole specie: la Cicogna bianca (Ciconia ciconia) e la Cicogna nera (Ciconia nigra).

Esse sono tra loro ben distinguibili per la colorazione e per le abitudini ecologiche completamente differenti. Mentre la prima, infatti, è una specie spiccatamente gregaria, che tende a nidificare in colonie in aree aperte, la seconda ha abitudini solitarie e costruisce nidi isolati all’interno di boscaglie complesse.

Utente non registrato
utente:
password:
 
Legambiente è partner di
una alleanza per la
conservazione della biodiversità

il 5 per mille non ti costa nulla, ma può fare molto...
Le Aziende possono sostenere la tutela della Cicogna bianca. Le erogazioni liberali sono deducibili.
Un futuro sostenibile non è un sogno, dipende dal nostro impegno di oggi. Aiutaci a costruire un mondo capace di futuro.

Sostieni il programma nazionale di conservazione della Cicogna bianca.
Compila l'apposito form on-line. Il tuo avvistamento entrerà così a far parte del database nazionale degli avvistamenti di cicogne bianche.
Campagna nazionale di raccolta fondi per la conservazione della Cicogna bianca
Crediti     |      Mappa del sito     |      Termini d'uso     |      Privacy      © 2005 Associazione Olduvai Onlus Tutti i diritti riservati
Attenzione! Il sito su cui ti trovi non verrà più aggiornato in futuro. Per migliorare il servizio infatti Legambiente sta spostando tutta la comunicazione sul nuovo sito dell\'associazione. Potrai continuare a seguire i contenuti di questo sito e di altri su: http://lombardia.legambiente.it/. Ci scusiamo per il disagio. Legambiente Lombardia.