La Cicogna bianca
IT | EN
Status di conservazione

La Cicogna bianca (Ciconia ciconia) è una specie inclusa nell'Allegato II della Convenzione relativa alla conservazione delle specie migratrici appartenenti alla fauna selvatica, adottata a Bonn il 23 giugno 1979, e nell'Allegato II del relativo African-Eurasian Waterbird Agreement (AEWA), siglato in Olanda il 16 giugno 1995, entrato in vigore nel novembre 1999.

_______________________________________________________________


_______________________________________________________________

In Europa, la specie viene classificata SPEC 2 Depleted (Criteria: Large historical decline) da BirdLife International, a causa del notevole declino registrato tra il 1970 e il 1990 in 14 Paesi.

A livello continentale, la Cicogna bianca è compresa nell'Allegato II della Convenzione relativa alla conservazione della vita selvatica e dell’ambiente naturale in Europa, adottata a Berna il 19 settembre 1979, e nell'Allegato I della Direttiva 79/409/CEE relativa alla conservazione degli Uccelli selvatici.

In Italia, la Cicogna bianca è compresa nella lista delle specie particolarmente protette, anche sotto il profilo sanzionatorio, dall'art. 2 (Oggetto della tutela) della Legge 11 febbraio 1992, n.157 Norme per la protezione della fauna omeoterma e per il prelievo venatorio.

Infine, viene classificata quale specie a più basso rischio (LR) nella nuova Lista Rossa Nazionale (LIPU & WWF,1999) nella categoria specie dipendenti da azioni di conservazione (Conservation Dependent), secondo i criteri definiti dall'IUCN - Unione Internazionale per la Conservazione della Natura.

La Deliberazione di Giunta Regionale 20 aprile 2001, n. 7/4345 della Regione Lombardia “Approvazione del Programma Regionale per gli Interventi di Conservazione e Gestione della Fauna Selvatica nelle Aree Protette e del Protocollo di Attività per gli Interventi di Reintroduzione di Specie Faunistiche nelle Aree Protette della Regione Lombardia”, infine, annovera la specie nei propri allegati (I e II).
Le misure di conservazione previste sono le seguenti:
A1 – Reintroduzione
Ba7 – Mantenimento di zone umide, praterie igrofile e marcite
Bc2 – Ripristino e ricostituzione di zone umide
Bc6 – Mantenimento dei prati polifiti permanenti
Bc7 – Promozione e miglioramento dell’utilizzo del set-aside
Bd4 – Protezione dei siti riproduttivi
Bd7 – Interventi volti a favorire la nidificazione
C2 – Monitoraggio dello status delle popolazioni per specie con ciclo biologico complesso caratterizzate da cambiamento di habitat o movimenti
C11 – Studi particolareggiati finalizzati ad individuare potenziali interventi futuri
D3 – Educazione ambientale e divulgazione a largo raggio

Utente non registrato
utente:
password:
 
Legambiente è partner di
una alleanza per la
conservazione della biodiversità

il 5 per mille non ti costa nulla, ma può fare molto...
Le Aziende possono sostenere la tutela della Cicogna bianca. Le erogazioni liberali sono deducibili.
Un futuro sostenibile non è un sogno, dipende dal nostro impegno di oggi. Aiutaci a costruire un mondo capace di futuro.

Sostieni il programma nazionale di conservazione della Cicogna bianca.
Compila l'apposito form on-line. Il tuo avvistamento entrerà così a far parte del database nazionale degli avvistamenti di cicogne bianche.
Campagna nazionale di raccolta fondi per la conservazione della Cicogna bianca
Crediti     |      Mappa del sito     |      Termini d'uso     |      Privacy      © 2005 Associazione Olduvai Onlus Tutti i diritti riservati
Attenzione! Il sito su cui ti trovi non verrà più aggiornato in futuro. Per migliorare il servizio infatti Legambiente sta spostando tutta la comunicazione sul nuovo sito dell\'associazione. Potrai continuare a seguire i contenuti di questo sito e di altri su: http://lombardia.legambiente.it/. Ci scusiamo per il disagio. Legambiente Lombardia.