News
IT | EN
Metti un freno al cemento - costruisci natura
Uno degli obiettivi della legge è ottenere un riconoscimento giuridico fondamentale e per ora assente nelle leggi del nostro Paese: Il suolo: un bene prezioso, un bene comune, di tutti noi!

Prosegue la campagna di Legambiente Lombardia per fermare il consumo indiscriminato di suolo. Al centro la proposta di legge regionale di iniziativa popolare per la quale Legambiente si impegna a raccogliere almeno 10.000 firme da depositare in Regione entro il 30 giugno 2009.

Ad oggi stimiamo di essere a quasi 5.000 firme, serve quindi ancora un grande sforzo da parte di tutti i cittadini che vogliono difendere il territorio lombardo e di tutta la Legambiente per centrare l'obiettivo!

In Lombardia si continua a consumare suolo (con una velocità pari a una superficie di 20 campi da calcio al giorno), a progettare nuove espansioni urbanistiche, nuove infrastrutture stradali e a eludere la pianificazione territoriale dei Piani di Governo del Territorio prevista dalla normativa regionale. Tutti insieme possiamo fermare questo scempio ambientale! Vieni ad aiutarci firmando presso uno dei nostri banchetti. Scopri dove.

I punti fondamentali della proposta di legge:

Il suolo è un bene comune, il cui utilizzo razionale è sancito dalla Costituzione Italiana e dalla normativa internazionale.
Prima di pianificare nuove espansioni urbanistiche è obbligatorio il riuso delle aree dismesse o sottoutilizzate, che devono essere individuate e quantificate dai Comuni.
Le compensazioni ecologiche preventive sono obbligatorie ogni volta che, verificata l'indisponibilità di aree dismesse, si renda necessario un intervento di nuova costruzione su suolo non edificato. Devono essere realizzate prima di ottenere il permesso di costruire e prevedere il vincolo a finalità di uso pubblico di carattere ecologico-ambientale sulla corrispondente porzione di territorio comunale.
Per ogni nuova costruzione su suolo libero deve essere ceduto al Comune il doppio della superficie occupata dall’edificazione e provvedere alla sua dotazione di carattere ecologico ('costruire natura').
La compensazione ecologica preventiva si va ad aggiungere agli altri oneri già previsti dalle normative vigenti, allo scopo di scoraggiare il consumo di suolo libero.

Domande frequenti sulla nostra proposta di legge:

1) “La legge regionale determinerà per le aziende un aumento dei costi nella realizzazione degli edifici?”

Risposta: Sì, il costo di produzione degli edifici che occupano suolo libero aumenterà, rendendo più vantaggioso il riuso di aree dismesse e le ristrutturazioni.

2) “La legge regionale provocherà un aumento di prezzo delle abitazioni?”
Risposta: No, poiché il prezzo delle case, a differenza di altri beni durevoli,  non è legato ai costi di produzione, ma è determinato quasi esclusivamente dalla domanda e dall'offerta del  mercato immobiliare.

3)“Questa legge avrà ripercussioni negative sulle entrate dei Comuni?

Risposta: NO, perché le compensazione ecologica preventiva non sostituisce gli oneri di urbanizzazione, ma anzi si aggiunge ad essi.


Cosa puoi fare tu, cosa possiamo fare insieme

Firma la nostra proposta di legge presso uno dei punti raccolta organizzati dai circoli Legambiente presenti su tutto il territorio della Lombardia e diffondila! Sono necessarie almeno 5.000 firme, ma – con il tuo aiuto – possiamo fare molto di più, affinché la nostra proposta venga sottoposta all'attenzione del Consiglio Regionale della Lombardia.
La nostra terra con tutto il suo valore, la sua storia, la sua tradizione, le sue peculiarità ambientali, naturali, agricole e culturali, sta scomparendo. Dobbiamo fermare tutto questo. Spesso ci si chiede cosa possiamo fare per i nostri figli e quali possibilità possiamo dare loro che noi non abbiamo mai avuto, ma non ci preoccupiamo di dare alle generazioni future ciò che noi abbiamo avuto, un prato su cui giocare, spazi aperti in cui vivere, un ambiente sano, fertile, sicuro, bello, tutto ciò che può fare della nostra vita una vita di qualità.

Aiutaci anche a TU a raccogliere le firme necessarie..vieni a firmare presso i nostri banchetti.

Per saperne di più:

Documenti:

Proposta di legge contro il consumo di suolo.

La relazione della proposta di legge. Descrive il funzionamento e gli obiettivi della proposta di legge articolo per articolo.

 

Manuale per la raccolta firme. Contiene le regole e le istruzioni per la raccolta firme.

Allegato 1: modello disponibilità consigliere. Modello con il quale il Consigliere Comunale dichiara al proprio sindaco la disponibilità ad autenticare le firme per una proposta di legge regionale di iniziativa popolare.

Allegato 2: autenticazione. Modello che suggerisce all'autenticatore la formula per autenticare le firme in fondo ad ogni modulo.

Allegato 3: Richiesta di occupazione suolo pubblico. Modello di richiesta di occupazione di suolo pubblico al comune per poter predisporre un banchetto (è solo un esempio, poichè non esiste un modello standard).

Per informazioni: o segnalazioni: consumosuolo@legambiente.org

Utente non registrato
utente:
password:
 
Legambiente è partner di
una alleanza per la
conservazione della biodiversità

il 5 per mille non ti costa nulla, ma può fare molto...
Le Aziende possono sostenere la tutela della Cicogna bianca. Le erogazioni liberali sono deducibili.
Un futuro sostenibile non è un sogno, dipende dal nostro impegno di oggi. Aiutaci a costruire un mondo capace di futuro.

Sostieni il programma nazionale di conservazione della Cicogna bianca.
Compila l'apposito form on-line. Il tuo avvistamento entrerà così a far parte del database nazionale degli avvistamenti di cicogne bianche.
Campagna nazionale di raccolta fondi per la conservazione della Cicogna bianca
Crediti     |      Mappa del sito     |      Termini d'uso     |      Privacy      © 2005 Associazione Olduvai Onlus Tutti i diritti riservati
Attenzione! Il sito su cui ti trovi non verrà più aggiornato in futuro. Per migliorare il servizio infatti Legambiente sta spostando tutta la comunicazione sul nuovo sito dell\'associazione. Potrai continuare a seguire i contenuti di questo sito e di altri su: http://lombardia.legambiente.it/. Ci scusiamo per il disagio. Legambiente Lombardia.